La bocca immagina. I poteri della traduzione artistica

la bocca immagina

 

Mimesis Editore, 2014. Acquistalo sul sito dell’editore.

“Se così l’arte è un gesto sul possibile, non avrà a sua volta il tradurre al centro della propria techne la medesima tela bianca, abbacinante fulcro dell’opera? Si tratta di avventurarsi nelle contrade di luce, nei cripticismi d’ombra, nelle genesi delle forme e dei linguaggi ermetici nel loro perenne parlare…” 

La traduzione dell’opera letteraria dà avvio in “La bocca immagina” a uno svolgimento teorico originale: rovesciando l’ottica che tradizionalmente prescrive doveri al traduttore, si scoprono anche i suoi “poteri” o “facoltà” spirituali che realmente ne delimitano l’atto.

Visualizza e scarica la scheda dell’opera.

Maria Silvia Da Re e Cristiana Isoleri, Livre Pauvre «Rimbaud», catalogo Gallimard 2008.       pubb-poesie

 Maria Silvia Da Re e Cristiana Isoleri, Livre Pauvre «Rimbaud», catalogo Gallimard 2008.

Maria Silvia Da Re vive e insegna in Milano. È traduttrice e autrice di saggi critici maturati anche nella docenza universitaria. Ha partecipato a diverse collettive d’arte. È stata vicepresidente per l’Italia dell’Association internationale de la critique littéraire di Tours ed è membro staff Cisam presso l’Università degli Studi di Bergamo.