Hanno scritto

00000001Silvia has a great gift for describing the gestalt of beauty from the minutiae of its particulars.  Give her a chair and you will very quickly get a sense of how the merits or otherwise of the parts contribute to the merit or otherwise of the whole. Silvia has an eloquent, analytical intelligence – when she’s on a roll, you get a stream of excellent analogies yoked from dissimilar conceptual spaces as well as a wonderful alternation between the elegantly highbrow and the rudely demotic. If Silvia was a bird she would be an eagle, both able to soar among the highest abstractions as well as able to swoop down on the most corporeal of bush tucker.

Steven Bennett, University of Hertsfordshire

Conciliante nel lavoro in team e capace di energica determinazione, Maria Silvia ha certo dato prova di grinta e pacatezza nel nostro “tempestoso” anno di immissione in ruolo. Lo scambio con lei  è oggi per me ancora fecondo  sia sul piano delle acquisizioni professionali sia su quello dell’amicizia nata da una corretta e solida colleganza.

Natalina Nucera, Collega di scuola

Affettuosa amica, Maria Silvia ha un’intelligenza aperta e ricettiva. E’ capace di grande lucidità e al contempo di piccole, irrazionali stravaganze. Tutto ciò ne fa un’interlocutrice mai scontata nei suoi giudizi, intellettualmente sempre curiosa, appassionata e brillante.

Eleonora Sparvoli, Università degli Studi di Milano

Ho avuto la fortuna di conoscere Maria Silvia più o meno all’inizio del terzo millennio, quando, lavorando nell’editoria, ebbi l’occasione di avvalermi della sua arte traduttoria per portare in italiano le lettere d’amore indirizzate nell’arco di mezzo secolo da Juliette Drouet a Victor Hugo. Ricordo che grazie non solo alla valentia professionale, ma in particolare alla sua sensibilità, direi alla sua attitudine empatica, Maria Silvia restituì attraverso il gioco delle parole la trama vivente di una intensa relazione affettiva. Per me, questo superbo esito editoriale ha rappresentato nello stesso tempo l’avvio di una corrispondenza amicale ormai lunga e consolidata, ma sempre nuova per ricchezza di spunti conoscitivi e motivi d’interesse largamente umano, dei quali mi riconosco volentieri debitore alla fresca, inesauribile vivacità intellettuale e personale di Maria Silvia.

Michele Fiorillo, traduttore, già Direttore editoriale per DeAgostini

Il laboratorio di traduzione letteraria della prof.ssa Da Re: ho avuto l’opportunità di seguirlo, con piacere e interesse. È bastato poco per andare oltre l’apprezzamento della competenza, ne è scaturito un dialogo. Vi ho portato anche una mia testimonianza aziendale, con soddisfazione. Poi interessi, curiosità, attitudini e conoscenze, da cui nascono contatti, scambi, idee e anche progetti tuttora in corso.

Michele Montefusco, Audit Manager di RCS MediaGroup