L’autrice

_SV_1032

Dettaglio anatomico (fotografato da Alessandro della Savia)

Maria Silvia Da Re si dedica concretamente a lavori artistici dal 2014. Da allora, ha partecipato con diverse opere, di ispirazione materica, con una riconoscibilità figurativa o affini alle tendenze informali, quindi anche con variegati tecniche e soggetti, alle mostre “Arte, Scienza e Pensiero” a Ferrara (Galleria Spazio d’arte l’altrove, 2014), a Milan Artin International Group Show (Art Plaumann Gallery e MA-EC, 2015), ad Affordable Art Fair edizione italiana, con Spazio d’arte l’altrove (2015), e ad ArtParmaFair con Satura Art Gallery, con cui espone a Genova Art Expo negli spazi di Palazzo Stella nello stesso anno (2016).

Dottore in Francesistica e insegnante in Milano, con un’esperienza matura nei settori della didattica universitaria e di formazione, ha assimilato anche dalla scrittura, pubblicistica, traduttiva e scientifica – è tra l’altro autrice di diversi saggi e attualmente vicepresidente di AICL (Université de Tours) e membro staff Cisam (università degli Studi di Bergamo) – una peculiare cognizione del gesto artistico, dei suoi limiti, necessità e licenze. Passa ora ad affrontarlo, nella pratica, con un atteggiamento sperimentale, attento alle componenti del gusto, così come all’atto anche gratuito, fabbrile, di cui non dovranno essere nascoste né la traccia né l’imperfezione segnica, che trovano spazio nelle sue creazioni a memoria. La sua opera evolve, testimoniando diversi stili con una medesima, e ben riconoscibile, mano, tanto nel lavoro avviato dal 2014, quanto nella prosecuzione dell’attività traduttiva, ora concentrata sull’opera del francese e coevo Dimitri Dezorty.

aprile 2016